youtubers-680

Pubblicato il 09/12/2013 Da in Sociale

Genitori e figli nell’era del WEB: gli “youtubers” in Italia

Siamo partiti da questa domanda:
come possiamo entrare in contatto con il mondo dei nostri figli, essere partecipi della loro vita Web, senza essere invadenti, retrogradi o tantomeno costrittivi, e quindi fuori luogo?

Ed abbiamo valutato che, per poter entrare in contatto con il loro mondo, dobbiamo in qualche modo sforzarci di convergere, di approfondire le loro tematiche e capire meglio in quale mondo si confrontano, ed oltre ai programmi e relativi rischi connessi alla navigazione incontrollata, con quali realtà entrano in contatto e quali sono i loro “opinion leaders” che di fatto integrano spesso il ruolo di noi genitori nella conoscenza delle cose del mondo.

Un insieme significativo di questa categoria è rappresentato, nel mondo, dai cosiddetti “Youtubers”, giovani e meno giovani che, attraverso i loro canali You Tube, producono dei video sulle più svariate tematiche, siano esse specialistiche, come ad esempio Video Games, o più generaliste, che riguardano argomenti di attualità, di vita quotidiana o di sport.

Ciò che ci serve per “convergere” nel mondo web, è la comprensione di che impatto lo stile ed i contenuti di comunicazione di questo insieme abbiano sulla crescita dei nostri ragazzi, ed anche quali surroghe alla nostra capacità educativa producano.

Ovviamente in questo post potremo solo lanciare degli spunti ed aprire un dibattito, facendo un osservatorio sui principali fenomeni presenti in Italia, il resto viene lasciato a voi genitori, affinché percorriate da soli, le strade più varie di conoscenza di questo aspetto social, ovviamente in collaborazione con i vostri figli.

E’ un vero e proprio fenomeno di massa, che crea tendenza, raggiungendo per numero di visualizzazioni, tantissimi giovani, che attraverso i loro ispiratori, talvolta anche idoli, hanno una finestra privilegiata sulle loro passioni, tendenze e possono facilmente acquisire attraverso internet, tutte le informazioni che servono loro per capire fenomeni, giochi, aspetti tecnici, avere tutoraggi sui più disparati dispositivi elettronici, modalità di utilizzo di software, ma anche musica, trucco, vestiario, e così via.

Il modello che viene utilizzato è semplice, e si riconduce quasi sempre all’apertura di un canale You Tube, e di una Community dove tutti coloro che seguono l’argomento o direttamente lo YouTuber, interagiscono, costruendo percorsi di relazione sociale diretta ed indiretta.

E se il contradditorio sociale derivante dalla community produce, sovente, autoregolamentazione educativa, derivante dal confronto generazionale bilanciato, la sola fruizione dei contenuti relativi ai video proposti dal singolo youtuber può, senza confronto, indirizzare i nostri ragazzi su stili relazionali e di vita non sempre intonati.

E, soprattutto sulle fasce più influenzabili, può creare mitizzazioni difficili poi da gestire.

La domanda a questo punto è: come possiamo poter essere complementari come genitori in questo confronto quotidiano?

La risposta risiede nella nostra capacità di ricercare il contradditorio costruttivo, di portare i nostri ragazzi ad aprire sempre il dialogo per condividere insieme le opinioni che loro stessi si costruiscono attraverso questo canale di apprendimento, ma che non garantisce una qualità informativa sempre intonata, seria e coerente.

Quindi il dialogo come strumento di confronto, lo stimolo a trovare le necessità di conferme, a non prendere per corretto e inconfutabile, quantomeno negli ambiti non necessariamente specialistici, quanto viene appreso da questo canale di informazione che, ovviamente, ha le sue debolezze, non essendo sottoposto ad alcuna vigilanza sui contenuti.

Per favorire la comprensione di questo mondo, abbiamo fatto per voi genitori, una ricognizione sui principali canali e personaggi che in Italia muovono l’opinione dei ragazzi, cercando di coprire le aree di maggiore interesse, per darvi l’opportunità di vedere i contenuti, capire lo stile di comunicazione, osservare i dibattiti e potervi creare una vostra visione del mondo degli youtubers, frequentato dai nostri ragazzi, che poi, io che lo ho avvicinato e conosciuto meglio, non è poi così male.

Credetemi.

La ricognizione, l’ho commissionata a mio figlio di 16 anni, per quanto ovvio, lasciando i suoi commenti personali.

Stay “You Tuned” per il prossimo aggiornamento.

Youtuber italia

- Melagoodo: è la più grande community italiana di videogames, tratta moltissimi titoli videoludici in uscita e crea dei “gameplay”

- Johnny Creek: famoso non tanto per per i suoi video particolarmente innovativi ma per la sua personalità comica e divertente. Fondatore di melagoodo

- ParliamodiVideogiochi: canale composto da un”team” di gamer esperti del campo. Fanno video più originali, più improntati ad un genere informativo che al solo e puro divertimento.

- Farenz: Anche lui un personaggio particolare. Parla da veterano del “gaming” (è sulla quarantina) e fornisce un parere “personale”, ma di uno che ne sa qualcosa sui videogiochi. Nonostante questo i suoi video sono molto divertenti

- BreakingItaly: Canale che tratta di notizie giornalistiche con un esposizione simpatica, piacevole e con qualche commento personale. ShooterHatesYou è il ragazzo che tiene questo “show”. Molto bravo e simpatico

- ZeroDX: canale gestito da un ragazzo con tanta voglia di fare e tanta inventiva (playstation nightmare è uno dei suoi capolavori). Geniale

- Victorilaszlo: canale che tratta di cinema, soprattutto recensioni. La qualità visiva e sonora dei video non è delle migliori ma ne sa a pacchi su tutto quello che riguarda cinema a livello mondiale e non solo, da come parla e alcune citazioni si può notare che la sua cultura spazia in molti altri campi oltre a quello cinematografico. Davvero una personalità meritevole

- Yotobi: Altro canale che tratta di cinema ma in modo decisamente più particolare. Recensisce film per lo più trash allo scopo di divertire lo spettatore. Anche lui un personaggio particolare

- Dario Moccia: Tratta di tutto ciò che può essere considerato “nerd”, dai manga, agli anime televisi, ai videogiochi ai film (come ad esempio pixar)

- Claudio DiBiaggio (nonapritequestotubo): parla di cinema anche lui e si cimenta in piccoli corti per lo più comici

- ClioMakeUp: canale di makeup, ovvero tutorial su come truccarsi e cose così. Non che io la segua ma è giusto citarla perchè una parte sostanziale del Tubo tratta makeup e lei in italia è una delle più famose

 

9 dicembre 2013
a cura di Roberto Furesi

Roberto Furesi

MILANO. Dirigente istituto bancario. Lavoro nel settore bancario, del quale ho approfondito moltissimi aspetti, sia di Business che di natura più organizzativa e gestionale. Mi piace far accadere le cose, e credo fortemente che la passione, unita al talento ed ad una rigorosa pianificazione, le cose possa farle accadere sul serio. Il mio motto è “bisogna sempre essere più convinti che convincenti”, nel senso che per riuscire nella vita bisogna crederci, e dare fiducia alle persone, guardando sempre oltre, pensando al dopodomani. Metto a disposizione le mie competenze per creare un futuro sostenibile, basato sulla rinascita culturale ed economica del nostro paese attraverso la solidarietà sostenibile, l’innovazione sociale e la creazione di valore nel tempo.

Comments are closed.