mario-lodi

Pubblicato il 03/03/2014 Da in Dal Web

Con Mario Lodi se ne va un pezzo dell’Italia migliore

Ieri, 2 marzo 2014, è morto Mario Lodi.
Domani, martedì 4 marzo 2014 alle ore 15.00 nella Chiesa di Drizzona (Cremona), lo saluteremo durante i funerali.

Con Mario Lodi se ne va un pezzo dell’Italia migliore.
Il testimone di una scuola dove i bambini sono protagonisti del loro apprendimento, dove il metodo asseconda la loro voglia di scoperta e di esplorazione.

Maestro elementare, ha praticato durante tutta la sua esperienza professionale una scuola che ha restituito ai bambini la parola. Con i suoi alunni scrisse Cipì, un capolavoro assoluto della letteratura infantile tradotto in tutto il mondo.
I suoi libri pedagogici degli anni ’60 e ’70 hanno formato due generazioni di maestri e maestre spingendo la Scuola Elementare italiana verso un’eccellenza riconosciuta specialmente per quanto attiene la creatività e l’integrazione delle differenze.

Leggi l’intervista di Daniele Novara a Mario Lodi del novembre 2004

Link correlati:www.mariolodi.it
www.casadelleartiedelgioco.it

 

3 marzo 2014
a cura di Alessandra Giraldo

Ringrazio Daniele Novara e gli amici del Centro PsicoPedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti (CPP)

Alessandra Giraldo

TREVISO. Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Referente Scuola Comitato Provinciale Unicef Treviso, e Referente Provinciale per Miur e Unicef Italia per il progetto “Verso una scuola amica”. Dal 2000 si occupa di elaborare progetti rivolti ai bambini, alle famiglie e alle scuole; nel 2010 ha fondato “Progetti Educativi” partner di riferimento per Enti e realtà territoriali che operano nel settore della formazione e della prevenzione. Nel 2013 ha fondato "Team For Italy", una rete di cittadini che mettono a disposizione gratuitamente le proprie competenze per un rilancio culturale e della partecipazione attiva. - "Non è solo vero che si insegna ad un bambino. Soprattutto, si impara. Se si è capaci di mettersi in gioco, ci si trasforma, si vede il mondo da prospettive diverse, ci si completa"

Comments are closed.