giardino-green

Pubblicato il 14/10/2013 Da in Ambiente

Comunicare green – il verde mondo di Marta

A spasso per l’Italia tra parchi e giardini, boschi e biblioteche, con un libro che parla di avventure nel verde e qualche idea per i bambini sempre per la testa!

Mi chiamo Marta Vitale e sono un agronomo paesaggista: progetto parchi e giardini e mi occupo in particolare di progetti educativi nelle scuole e per le famiglie.
Sono mamma di Letizia e Beatrice, che mi hanno regalato tanta energia e con le quali ci divertiamo un sacco a pensare a nuovi progetti green per il nostro territorio!

Disegnare giardini e farli realizzare è il mio lavoro da dieci anni: ho cominciato con la grande palestra delle Olimpiadi invernali di Torino (dove sono nata!) e da lì sono nati fazzoletti verdi più o meno grandi a Torino e dintorni.
Dal grande parco storico che disperatamente richiede qualche attenzione, al piccolo giardino di quartiere da creare là dove sorgeva una fabbrica. Dal giardino scolastico tutto cemento e qualche erbaccia al percorso geoturistico da riqualificare e mettere in rete con i progetti d’Oltralpe.
In questi anni ho partecipato a tanti progetti, dai giardini realizzati nelle scuole attraverso la progettazione partecipata alle attività al parco, nei giardini, in biblioteca. Difficile scegliere il più bello, il più intenso.

Sono nata nel 1979 e da che io ricordi ho sempre pensato di lavorare con la natura. Non ho mai cambiato idea e così a 18 anni mi sono iscritta alla facoltà di Agraria, non prima di essermi “maturata” al…Liceo classico perché amo la letteratura, la storia e la cultura e proprio non mi andava di lasciarmi sfuggire per sempre l’occasione di tuffarmi nella bellezza dell’arte greca, della sua poesia, del teatro e in tutto ciò, più in generale, che fa parte di noi e della nostra storia.
Amo il mio lavoro: avere a che fare con il paesaggio e con il mondo della natura è per me, innanzitutto, una grande passione.
Pensare che, dall’idea nata con un disegno abbozzato su un foglio, si arrivi ad un’opera fruibile per tutti è una sensazione davvero… “creativa”, ecco il termine che penso sia più adatto.
E poi mi piace lavorare a contatto con le persone e per le persone. Mi piace pensare che quello che ognuno di noi ha voglia di fare, diventa più bello se si ha modo di condividerlo con gli altri. Tutti sappiamo fare qualcosa, tutti abbiamo dei talenti, che possono esprimersi in infiniti modi diversi.

Tornando al mio percorso, verso il 2005 mi proposero di fare un progetto in una scuola. Un progetto sul verde, naturalmente, che però incontrò il fuggi fuggi generale dei colleghi. Indovinate un po’ chi rimase con il cerino in mano? E così è cominciata la mia avventura nel mondo dei ragazzi, con tanta curiosità e un po’ di timore addosso, perché ho sempre pensato che sia molto più difficile “arrivare” ai ragazzi piuttosto che ad altre categorie di utenza.
Il tempo del primo incontro e la mia scelta era fatta: avrei provato a rivolgermi sempre di più al mondo della scuola. Una, due,tre, cento briciole di Pollicino lanciate ed infinite emozioni che mi sono tornate indietro.
A quel punto, fermarmi è stato praticamente impossibile!

giardinoGli spazi verdi sono un luogo “magico” in cui perdersi in compagnia, con i compagni di classe, con mamma e papà, con un gruppo di nuovi amici… Riservano grandi sorprese anche gli spazi verdi solo “immaginati”, come nelle librerie, nelle biblioteche, nelle aule di asili e scuole.

Infine, la scoperta della scrittura: cinque o sei anni fa, mi affidarono una piccola rubrica sul verde per un giornale locale.
Alea iacta est, e via: pronta per aprire un altro capitolo della mia avventura.
Amo le riunioni fiume in cui si parte da un punto e si può arrivare a toccarne tanti altri. Amo comunicare insomma, in tutte le maniere possibili: realizzare un giardino è una forma di comunicazione, ideare e tenere un percorso di educazione ambientale è un’altra forma di comunicazione. Quante altre forme esistono se si ha la voglia di non tenere sempre tutto per sé?
Unendo i due aspetti (si dice fare 2+2 no?) ho iniziato a lavorare nel campo della comunicazione baby, collaborando con fattorie didattiche e con riviste baby friendly, come la fantastica GIOVANI GENITORI in cui, davvero, mi sento tra amici!
E quando si lavora con persone che stimi per vitalità e competenza, tutto è bello! L’idea “forte” una volta arriva da te e cento volte arriva dal gruppo, ma il risultato è condiviso e si cresce insieme!

Mi piace essere propositiva e condividere i progetti con colleghi e amici: in questo modo è nato il mio libro per bambini “Avventure e scoperte in giardino”, che ho scritto insieme alla mia carissima amica nonché eccezionale ricercatrice di pegagogia Rosita Deluigi.
Grazie al libro siamo spesso in giro per l’Italia nelle scuole, ai festival, nei musei ed incontrare i tuoi lettori è un’altra bellissima avventura! Si ritorna a casa con la valigia piena di emozioni

Collaboro con i Comuni, con le scuole, con le biblioteche e con tutti i soggetti che hanno piacere di aprirsi al mondo naturale e a quello dei bambini e delle famiglie con un pizzico di curiosità e tanta voglia di trasformare anche la più piccola esperienza in qualcosa di indimenticabile per tutti.

Potete contattarmi qui su Team for Italy, sui social, oppure potete leggermi su Giovani Genitori o sulla rubrica ambiente che curo per Che forte!
Ne sarò felicissima!

Intanto auguro buon lavoro a tutti
Marta

14 ottobre 2013
a cura di Marta Vitale

LASTAMPA-18agosto-GIARDINI

 

Tags : ,

Marta Vitale

TORINO. 34 anni, agronomo paesaggista, si occupa di ambiente ed educazione. Progettista di parchi pubblici e privati in Italia, alcuni dei quali premiati da titoli nazionali e pubblicati sulle riviste internazionali di Architettura del Paesaggio.Da 7 anni si occupa di educazione ambientale per la scuola dell’infanzia e la primaria, con percorsi di esplorazione e conoscenza dell’ambiente e percorsi coinvolgenti e pratici sull’orto e il giardino. I suoi progetti per gli spazi pubblici nascono con la progettazione partecipata, ovvero sia attraverso la condivisione degli intenti di progettazione fin dalle fasi iniziali con tutta la cittadinanza, adulti e bambini. Collabora con la rivista GIOVANI GENITORI, per la quale tiene una rubrica green tematica. Si occupa di divulgazione scientifica, ideando e tenendo seminari, conferenze, incontri sui temi del giardino e del paesaggio in collaborazione con Enti e strutture del territorio. Ha scritto ed ideato progetti come AIUOLANDO e BOSCOFAMILY: percorsi ambientali che partono dalla condivisione, dall’esperienza e dalla curiosità dei piccoli utenti avendo come obiettivi lo sviluppo di una coscienza civile, del rispetto e della cittadinanza attiva anche nei più piccoli. Il suo progetto AIUOLANDO è risultato tra i progetti vincitori per il bando nazionale CENTOSCUOLE della Fondazione Sanpaolo. E’ socia onoraria della Fondazione Medicina a misura di donna, facente capo all’Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant’Anna di Torino, per la quale si è occupata del progetto di riqualificazione in chiave greendegli spazi, al fine da renderli più accoglienti e a misura di donna e di bambino. Pubblicazioni: 2012 “Avventure e Scoperte in giardino”, di Marta Vitale e Rosita Deluigi, Ed. Scienza Express.

Comments are closed.